prodotti liofilizzati

Liofilizzazione e essiccazione due processi solo simili

I prodotti liofilizzati: cosa sono

Di fronte a prodotti etichettati quali liofilizzati nasce sempre una domanda.

Cosa sto comprando di diverso da un prodotto essiccato, disidratato etc…

Sono la stessa cosa oppure no?

E se ci sono differenze, quali sono nella sostanza?

Facciamo chiarezza.

L’alterazione naturale del cibo

Gli alimenti freschi con il tempo subiscono un naturale processo di deperimento, perdono consistenza mutando, anche, le proprie proprietà organolettiche e nutrizionali. Le cause di questa alterazione possono essere di tipo biologico (dovute agli enzimi e/o microrganismi presenti nel cibo), oppure di tipo chimico-fisico (per l’esposizione prolungata all’ossigeno, alla luce e ai raggi UV).

Questo può influenzare non solo le caratteristiche qualitative dell’alimento ma anche comprometterne la sua salubrità per via della potenziale presenza di patogeni e tossine.

Erroneamente si ritiene che, per conservare il cibo più a lungo nel tempo, si debba ricorrere all’impiego di conservanti chimici, ma così non è.

Già nell’antichità si era scoperto che, eliminando l’acqua (per mezzo della salatura o esponendo il prodotto al sole), alcuni alimenti si mantenevano per un tempo maggiore. La disidratazione è, infatti, uno dei metodi più antichi per conservare gli alimenti.

Questi antichi metodi, per quanto efficaci, portavano una profonda alterazione del gusto negli alimenti cosa che, con le moderne tecnologie, si può evitare.

Questi metodi si sono tramandati per millenni. A partire poi dal ‘900 si è cominciato, poi, ad implementare tecnologie moderne per disidratare gli alimenti in maniera più rapida ed efficace.

La disidratazione moderna si basa quindi su due processi differenti: essiccazione e liofilizzazione

Molto spesso la gente confonde la liofilizzazione con l’essicazione dato che il risultato finale è quello di ottenere un cibo per lo più privo di acqua e conservabile più a lungo. In realtà la liofilizzazione è un processo di disidratazione molto più complesso ed evoluto rispetto al semplice essiccamento.

Vediamo cosa si intende per liofilizzazione.

La liofilizzazione

Liofilizzazione ed essiccazione sono entrambi processi di disidratazione. Ciò che le differisce è la metodologia nel raggiungimento del risultato.

La liofilizzazione è un processo mediante il quale si sottrae la parte liquida del prodotto non utilizzando il calore, come avviene per l’essicazione, bensì, all’opposto, utilizzando il freddo e il sottovuoto.

Il prodotto, infatti, viene congelato e l’acqua in esso contenuta passa, mediante l’applicazione di un vuoto molto spinto, dalla fase solida a quella di vapore.

Il materiale così disidratato si presenta allo stato poroso, quindi liofilo.

L’essicazione

Nell’essicazione, invece, la disidratazione avviene, come detto, mediante il calore. Sin dai tempi antichi veniva fatta semplicemente lasciando il prodotto al sole. Oggi, invece, è realizzata velocemente grazie ai moderni essiccatori, strutture finalizzate al riscaldamento artificiale ed esclusivo degli alimenti con l’ausilio di gas ad elevata temperatura, radiazioni infrarosse o contatto diretto con superfici calde. Essi trasmettono quindi il calore ai prodotti per poi trasferire all’esterno l’acqua che rimarrà, alla fine del processo, in misura del 10-15% massimo.

Vantaggi dei prodotti liofilizzati

I prodotti liofilizzati, tra i quali soprattutto la frutta, pur essendo totalmente disidratati ma non essendo stati mai riscaldati, mantengono intatte le loro proprietà nutritive e organolettiche e possono essere conservati a lungo termine, anche a temperatura ambiente.

La frutta liofilizzata: uno spuntino pronto all’uso

La liofilizzazione della frutta non ne altera le caratteristiche nutritive. Al contrario, rispetto allo stesso prodotto fresco, alcune sostanze (per esempio minerali, fibre e composti antiossidanti) andranno a concentrarsi. Un’altra variazione è che, a parità di peso, il contenuto di zuccheri della frutta è chiaramente maggiore rispetto a quello della frutta fresca, infatti come avviene per gli altri nutrienti anche gli zuccheri si concentrano in seguito alla rimozione della parte liquida.

Questo rende la frutta liofilizzata uno spuntino altamente energetico e facile da trasportare, utilizzabile in qualsiasi situazione in cui consumare/conservare frutta fresca potrebbe rivelarsi complicato.

Perché prediligere la frutta liofilizzata a quella essiccata

La sua consistenza porosa la rende adatto al consumo anche per i più piccoli o per le persone anziane perché la deglutizione è facilitata rispetto, tanto al prodotto fresco, quanto a quello essiccato.

Vendibile in porzioni monouso è utilizzata dagli sportivi per l’alto ed immediato apporto zuccherino ed energetico.

Il peso ridotto la rende il prodotto prediletto per le missioni spaziali ovvero in tutti gli ambienti estremi dove è necessario dotarsi di cibi poco pesanti, facilmente trasportabili ma altamente qualitativi in termini nutrizionali. Poco peso, dunque, ma tanta resa di prodotto.

Personal Horeca offre un’ampia gamma di prodotti liofilizzati. Che potrai facilmente acquistare sul nostro portale.

Una mela al giorno toglie il medico di torno, anche se liofilizzata!

Per informazioni e acquisti clicca qui!